Avvisi tramite Email

Raggio e Geo-Mappa

Annunci Immobiliari

Confronta gli annunci

Piano di Marketing

Piano di Marketing

Per lo sviluppo di una qualsiasi attività, indipendentemente dal fatto che essa sia in fase di start up o presente sul mercato da anni, è necessario un piano di marketing adeguato, studiato in ogni dettaglio affinché possa dare i risultati voluti.

A differenza del business plan, il marketing plan, pone tutta l’attenzione sulla clientela dell’azienda.

Una buona campagna marketing comincia con l’ acquisire la consapevolezza del posto che l’azienda/prodotto occupa nel mercato e finisce con il definire le “parole chiave” da usare durante la campagna pubblicitaria.

Seguendo alcuni semplici punti potremo quindi pianificare una campagna pubblicitaria efficace e mirata al nostro potenziale cliente.

  1. Nel primo punto definiremo le caratteristiche e le prestazioni del nostro prodotto/servizio, analizzeremo in cosa differisce da eventuali prodotti/servizi offerti dai nostri concorrenti e quali vantaggi possano scaturire da queste differenze, inoltre prenderemo in considerazione il prezzo del prodotto, la distribuzione e il posizionamento nel mercato. Per ultimo si deciderà cosa voler comunicare ai propri clienti.
  2. Nel secondo punto cercheremo di capire chi sono i nostri clienti, in termini di età, localizzazione geografica, sesso e posizione economica. Proveremo a stabilire se il nostro è un prodotto destinato ad un pubblico che acquista d’impulso oppure se il nostro cliente è un “innovatore” alla ricerca delle ultimissime novità, se chi acquista lo fa per moda o per necessità e se esistono periodi dell’anno particolarmente favorevoli e con picchi d acquisto. Ogni particolare ci permetterà di avere un profilo dettagliato del nostro cliente, permettendoci di focalizzare l’attenzione solo su di lui.
  3. Qui si comincia a delineare la nostra strategia di comunicazione. Innanzitutto, sarà bene chiarire qual’ è il nostro obiettivo, vogliamo vendere il prodotto/servizio? O far conoscere il marchio\logo aziendale? Poi andremo ad analizzare cosa il nostro cliente legge o ascolta (è un assiduo lettore di quotidiani oppure ascolta un particolare programma radiofonico), infine tracceremo un messaggio chiaro sui benefici che l’acquirente ottiene comprando il prodotto o rivolgendosi alla nostra azienda.

L’ insieme delle informazioni raccolte ci permetterà di pianificare quali sono i mezzi più idonei per veicolare il nostro messaggio pubblicitario, tenendo conto che i costi variano anche a seconda del canale pubblicitario scelto e che spesso è proprio il budget a disposizione a determinare quale sarà il “veicolo” del messaggio.I canali tradizionali utilizzati per una campagna pubblicitaria sono: carta stampata o tv e radio, a queste due forme classiche e collaudate da qualche anno si è affiancata anche la pubblicità on-line.

La carta stampata è uno dei mezzi più classici per fare pubblicità, si divide principalmente in due categorie, la prima è costituita dai quotidiani, questi permettono campagne pubblicitarie semplici e veloci, ma purtroppo hanno una vita troppo breve, 24 ore, quindi se non si “colpisce” il cliente, si è presto dimenticati, tranne se non si opta per inserzioni multiple, ripetute per diversi giorni. Un’esposizione regolare darà credibilità e riconoscibilità al marchio\ prodotto.

La seconda categoria è costituita dalle riviste, queste ultime hanno il privilegio di avere una vita decisamente più lunga (settimanale,quindicinale, mensile), in genere la rivista la si sfoglia per più giorni e la lettura spesso non si conclude in poche ore. Inoltre si potrà mirare ad un pubblico particolare pubblicando il messaggio su riviste dedicate a settori inerenti il nostro prodotto/marchio.

Il canale televisivo e radiofonico è da molti considerato il mezzo di comunicazione per eccellenza in grado di raggiungere un elevato numero di persone, ma i canali a diffusione nazionale sono costosi e spesso fuori dalla portata dei piccoli imprenditori, che tuttavia potrebbero optare per i canali digitali a tema o per le piccole radio locali, si tratta comunque di una pubblicità impegnativa poiché oltre alla costruzione di uno spot efficace, occorre pianificare gli orari in cui mandare in onda il messaggio, tenendo conto che alcune fasce di popolazione si raggiungono sono in determinati orari.

Alle spese di messa in onda dello spot, si sommano, nel caso di pubblicità televisiva, anche le spese di produzione dello spot stesso, mentre in genere i messaggi radiofonici sono prodotti dalla stazione radio senza costi aggiuntivi.

La pubblicità on-line è ancora poco sfruttata nel nostro paese, può essere gestita in diversi modi a seconda del prodotto/servizio pubblicizzato e si possono ottenere dei buoni risultati anche con un modesto impegno economico, ci permette di raggiungere un gran numero di persone sui siti specializzati, quindi è una pubblicità mirata al nostro target di clienti, adatta soprattutto a prodotti rivolti alle fasce sociali medio/alte che per lavoro, studio o piacere sono collegati on-line.

A queste forme tradizionali e classiche di pubblicità si aggiungono delle forme pubblicitarie molto più veloci ed economiche, adatte soprattutto a piccole attività a carattere locale, che mediante volantini, cartelli pubblicitari e gadgets, possono raggiungere i potenziali clienti localizzati nelle immediate vicinanze dell’attività.

Il carattere “semplice” di queste forme promozionali non deve farci dimenticare che un adeguato marketing plan ci aiuterà comunque a mettere a punto una buona campagna promozionale evitando sprechi di risorse ed energie.

Post correlati

Aprire un’Agenzia immobiliare

Chiunque nella vita ha la necessità di acquistare una casa sia in caso di matrimonio e convivenza...

Continua a leggere

Come si scrive un Business plan

La stesura di un business plan è il primo passo vitale per l’avvio di una nuova attività. Al di...

Continua a leggere

Come avviare un’attività di affittacamere

Un’idea che sta prendendo piega negli ultimi anni in fatto di viaggi, è quella dei locali...

Continua a leggere